mercoledì 3 ottobre 2012

Invalsi - Rapporto rilevazione apprendimenti 2012 (matematica classe seconda)


Ecco alcune delle osservazioni relative ai risultati della prova di matematica per la classe seconda svolta nel 2012. Le analisi sono desunte dal sito dell'Invalsi dove è possibile leggerle nella loro integralità. Io riporto qui solo alcune delle osservazioni più significative. Il link è http://www.invalsi.it/snv2012/documenti/Rapporti/Rapporto_rilevazione_apprendimenti_2012.pdf
 
Risultati generali

Per quanto riguarda la prova di Matematica, vi è innanzitutto da osservare che i risultati medi delle macro-aree e delle regioni sono complessivamente più omogenei fra di loro: nessuna macro-area si discosta significativamente dalla media nazionale e solo cinque regioni hanno punteggi significativamente al di sopra o al di sotto di essa. Tra quelle al di sopra troviamo la Valle D’Aosta, la provincia di Autonoma di Trento, la Toscana e la Puglia, mentre l’Emilia Romagna ha un risultato inferiore alla media italiana. La regione con punteggio medio più alto in Matematica è la Valle D’Aosta e quella con il punteggio medio più basso è la Calabria: fra le due la distanza è di 11
punti.

Differenze di genere

Nella prova di Matematica  i maschi conseguono un punteggio medio più elevato e sono maggiormente rappresentati nei valori più alti della distribuzione rispetto alle ragazze.
Si può osservare che la differenza di genere nelle regioni Valle D’Aosta, Basilicata e Sicilia
presenta un andamento diverso rispetto alle altre regioni. Infatti sono le femmine che ottengono punteggi migliori in Matematica, ma le differenze non risultano statisticamente significative. Tra le altre regioni, solo gli alunni maschi della Liguria, della Lombardia, della Provincia Autonoma di Trento, del Friuli-Venezia Giulia, della Toscana e del Molise ottengono punteggi significativamente superiori ai punteggi ottenuti dalle femmine.

Differenze fra studenti di cittadinanza italiana e d’origine immigrata

Gli alunni d’origine immigrata in II Primaria sono circa l’11%, dei quali il 3% di seconda generazione e l’8% di prima generazione.
Gli allievi stranieri di prima generazione conseguono risultati medi più bassi e sono più rappresentati nelle parti basse della distribuzione dei punteggi. Gli studenti di seconda generazione mostrano un andamento simile a quello degli alunni stranieri di prima generazione, sia nella prova di Italiano che nella prova di Matematica, anche se i loro risultati tendono ad esser un po’ più vicini a quelli degli studenti di nazionalità italiana.
Per quanto riguarda la prova di Matematica, le differenze tra alunni stranieri di prima e seconda generazione e alunni italiani sono significative nelle due macro-aree del Nord e nel Centro. Nelle due aree meridionali è significativa solo la differenza tra studenti di seconda generazione e studenti italiani del Sud e Isole.

Le differenze dei risultati all’interno delle prove.

In Matematica, le domande relative all’ambito “Dati e previsioni”  sono quelle
che hanno presentato per gli studenti il minor grado di difficoltà e la migliore performance, mentre le domande dell’ambito “Numeri” sono risultate le più difficili, seguite da quelle dell’ambito “Spazio e figure”.
Per quanto riguarda invece i processi implicati nella prova di Matematica, le domande relative al processo “Rappresentazioni” sono risultate più semplici rispetto alle domande che afferiscono alle categorie “Concetti e procedure” e “Modellizzazione”.

2 commenti: